Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Dante Alighieri, una trilogia a fumetti per il VII centenario della morte

Data:

29/03/2021


Dante Alighieri, una trilogia a fumetti per il VII centenario della morte

Lo scorso autunno la redazione della casa editrice Kleiner Flug, specializzata in graphic novel con al centro le biografie di artisti illustri, personaggi storici e adattamenti letterari, è stata ospite dell’Istituto Italiano di Cultura di Montréal per raccontare l’attività della casa editrice, all’interno della XX Settimana della Lingua Italiana nel Mondo intitolata “L’italiano tra parola e immagini: graffiti, illustrazioni, fumetti”.

Da quell’incontro sono nati i semi di un progetto ambizioso quanto entusiasmante. Il progetto, ideato, sostenuto e promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Montréal e dall’editrice Kleiner Flug, è quello di raccontare, dopo l’amore trattato in “Dante Alighieri, Amor mi mosse”, quelli che sono gli altri tre grandi temi del Sommo Poeta: l’amicizia, la politica e l’esilio.

Il terzo e ultimo volume, “La selva oscura”, sarà scritto da Marco Rastrelli (in collaborazione con Elia Munaò), già sceneggiatore per Kleiner Flug della biografia a fumetti “Giovanni dalle Bande Nere” e di “Horatio Nelson” e disegnato da Astrid Lucchesi, autrice di “Dante Alighieri, Amor mi mosse”.

L'esilio di Dante Alighieri è sicuramente l'episodio più celebre della sua vita nonché quello più doloroso, e probabilmente è stato l'impulso che lo ha portato alla stesura della Divina Commedia.

La data “ufficiale” dell'esilio è il 10 marzo 1302 e la condanna avviene con questa ormai memorabile sentenza:

«Alighieri Dante è condannato per baratteria, frode, falsità, dolo, malizia, inique pratiche estortive, proventi illeciti, pederastia, e lo si condanna a 5000 fiorini di multa, interdizione perpetua dai pubblici uffici, esilio perpetuo (in contumacia), e se lo si prende, al rogo, così che muoia»
(Libro del chiodo - Archivio di Stato di Firenze - 10 marzo 1302)

Da quel momento, per il poeta cominciano lunghi anni di viaggio e peregrinazioni. Tuttavia, in una prima fase dal 1302 al 1307, Dante cerca in tutti modi di tornare a Firenze con gli altri esuli Guelfi Bianchi, arrivando persino a stringere un accordo militare con i nemici di sempre, i Ghibellini.
Anni di battaglie sanguinose, tradimenti e colpi di scena, di cui però sappiamo pochissimo: lo stesso Dante non ci dice molto, se non quelle informazioni che si deducono proprio della Divina Commedia.

In particolare, questo volume partirà dal Canto X dell'Inferno, dove avviene il memorabile incontro con Farinata degli Uberti, fiorentino, leader dei Ghibellini e, anche lui, un esiliato.

In queste pagine, possiamo vedere l’inizio dell’esilio di Dante: nell’estate del 1302, poco dopo essere stato allontanato da Firenze, il poeta si riunisce con gli altri esuli dei Guelfi Bianchi per organizzare il rientro armato in città. Decidono, controvoglia, si stipulare un’innaturale alleanza con i nemici di sempre, i signori Ghibellini e di coinvolgere uno di loro abituato alle guerre e ai conflitti.

La scelta ricade su Scarpetta degli Ordelaffi, la cui famiglia guida attualmente Forlì. Dante e Vieri de’ Cerchi si stanno recando proprio a Forlì, in testa alla colonna dei soldati, per ufficializzare l’accordo con Scarpetta e gli altri alleati.

I profili social della casa editrice

Facebook: https://www.facebook.com/kleinerflug/ 
Instagram: https://www.instagram.com/kleinerflug/ 

kleinerflug

Informazioni

Data: Lun 29 Mar 2021

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Montréal - Kleine

Ingresso : Libero


1552