Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

TRECCANI: Maria Vittoria D’Onghia, “La (s)fortuna di chiamarsi positivo. Una riflessione linguistica”, Lingua italiana Magazine (14 aprile 2020)

Data:

15/05/2020


TRECCANI: Maria Vittoria D’Onghia, “La (s)fortuna di chiamarsi positivo. Una riflessione linguistica”, Lingua italiana Magazine (14 aprile 2020)

M.V. D’Onghia, dottoressa di ricerca in linguistica, riflette dalla sua casa – trasformata, come da tutti, “nel nostro ufficio, nella nostra palestra, nel nostro paradiso e nel nostro inferno” – sulla condizione dell’isolamento quotidiano e in ispecie sulla parola positivo: “Tra le altre parole che, accanto a queste, costellano le pagine dei giornali ce n’è una di cui incuriosisce la duplice natura. Positivo. Caso positivo. Persone positive. L’aggettivo, declinato in tutti i modi, è affiancato di solito da numeri purtroppo ancora alti. Accanto a decesso, è il termine che più ci affligge nella narrazione quotidiana. Positivo è per tutti sinonimo di infettato da SARS-CoV-2”. Continua a leggere>

Informazioni

Data: Da Ven 15 Mag 2020 a Mer 27 Mag 2020

Orario: Alle 15:09

Ingresso : Libero


1384