Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Barbara Fiorio, “Scrittori Pigri: laboratorio di scrittura creativa on-line”

Data:

23/03/2020


Barbara Fiorio, “Scrittori Pigri: laboratorio di scrittura creativa on-line”

ANNULLATO per emergenza epidemiologica da Covid-19

L’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con l’École de langues de l’Université Laval, è lieto di annunciare la conferenza di Barbara Fiorio “Scrittori Pigri: laboratorio di scrittura creativa on-line”. La scrittrice parlerà della sua esperienza come tutor del Gruppo di Sostegno Scrittori Pigri, un laboratorio on-line di scrittura creativa per tutti coloro che desiderano avere una maggiore consapevolezza dei meccanismi narrativi, dello stile e degli strumenti a disposizione per scrivere con efficacia, dal racconto al romanzo. La conferenza sarà, inoltre, anche l’occasione di discutere alcune strategie di scrittura legate ai romanzi Vittoria (Feltrinelli, 2018) e Qualcosa di vero (Feltrinelli, 2015).

Lunedì 23 marzo 2020, 18:30-20:00
École de langues
Université Laval, Pavillon Charles-De Koninck, 1431
1030 Avenue des Sciences Humaines
Québec, QC G1V 0A6
Conferenza in italiano

Barbara Fiorio, nata a Genova, è docente di comunicazione e tiene laboratori di scrittura tra cui il Gruppo di Supporto Scrittori Pigri (GSSP), giunto alla decima edizione. Nel 2009 ha esordito con C’era una svolta (Eumeswil) per poi dedicarsi ai romanzi: Chanel non fa scarpette di cristallo (Castelvecchi, 2011), Buona fortuna (Mondadori, 2013 – ed. spagnola per Suma de letras, 2014), Qualcosa di vero (Feltrinelli, 2015 – ed. tedesca per Thiele-Verlag, 2016) e Vittoria (Feltrinelli, 2018). Per Einaudi ha pubblicato il racconto La gattara (antologia Gatti. I racconti più belli, 2015), per Morellini ha scritto il racconto Noi eravamo quelli che… sull’alluvione del 2014 (antologia Genova d’autore, 2017) e per Il Canneto ha scritto il racconto Laura e Carlo (antologia Il ponte, a sostegno della Valpocevera dopo il crollo del Ponte Morandi di Genova, 2018). Nel 2019 è tornata sul primo lavoro, ampliandolo e aggiornandolo e ha pubblicato con Morellini la seconda edizione di C’era una svolta. Cosa hanno in comune Andersen, i Grimm e Perrault con Disney? Niente.

Informazioni

Data: Lun 23 Mar 2020

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Montréal

In collaborazione con : École de langues de l’Université Laval

Ingresso : Libero


Luogo:

École de langues Université Laval, Pavillon Charle

1361